Vai ai contenuti | Spostati sulla navigazione

Tuscolo, inizia una nuova stagione

Da 10/04/2019 a 16/04/2019

Il Parco Archeologico e Culturale di Tuscolo riapre al termine dei lavori del progettoTuscolo. Il luogo primitivo dell’anima, interamente finanziato dalla Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini e che ha visto la realizzazione di diversi interventi di manutenzione e valorizzazione dell’area.

Il 10 aprile l’inaugurazione ufficiale durante la quale sarà rinnovata la ventennale collaborazione con l’Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma - CSIC con una cerimonia di sottoscrizione di un nuovo accordo.

“Questo è un momento importante per il nostro territorio - afferma Damiano Pucci - perché siamo pronti ad avviare una nuova stagione per il Parco Archeologico di Tuscolo, soprattutto dopo quest’ultimo anno, fatto di lavoro intenso e di grande impegno sempre con un solo obiettivo: tutelare, valorizzare e mettere a disposizione delle comunità locali un’area archeologica unica e dal potenziale culturale straordinario. Il Tuscolo – conclude il Presidente Pucci – rappresenta le nostre origini e la nostra storia, per questo è necessario custodirlo in quanto memoria del passato da trasmettere alle generazioni future”.

“Un altro traguardo è stato raggiunto – dichiara l’assessore Serena Gara – la tendenza positiva degli ultimi anni dimostra che, lavorando sulla qualità e la serietà scientifica, gli obiettivi si raggiungono. Il Parco Archeologico di Tuscolo è indirizzato nella giusta direzione e si conferma meta prescelta da un pubblico consapevole e attento. Quest’anno i visitatori – conclude l’assessore Gara - potranno usufruire di un’offerta ancora più ricca e articolata, con l’attenzione costante alla tutela del bene culturale, si punterà alla valorizzazione del patrimonio con un’offerta rivolta a pubblici sempre più ampi e diversificati.

Sabato 13 e domenica 14 aprile la riapertura al pubblico, con un programma ricco diappuntamenti gratuiti per grandi e piccoli che vuole essere un’anteprima delle molteplici attività che saranno realizzate nel corso della stagione primaverile-estiva.

La riapertura segna anche l’avvio di una nuova gestione dei servizi ai visitatori e di animazione culturale da parte della Coop. Iperico-Servizi per la cultura che nel progetto ha coinvolto sei associazioni e una libreria del territorio.